Sopravvivere al presente per riscrivere il futuro

Nel bel mezzo della più grande crisi dal dopoguerra ad oggi, l’umanità intera si scopre fragile e divisa su tutti i temi chiave per la sua stessa sopravvivenza. Quasi venti anni di crisi economiche hanno sancito il fallimento della globalizzazione e con essa il progressivo collasso dei rapporti di forza che hanno regolato i rapporti tra i popoli, come dimostra lo scenario bellico attuale, sempre più difficile da disinnescare e sempre più duro da affrontare non solo per le popolazioni coinvolte direttamente ma anche per buona parte del resto del mondo a causa della crisi energetica che ne è derivata.

Da anni, su queste pagine così come su quelle di decine di migliaia di altre testate a tutte le latitudini, sono state scritte analisi e raccontate storie che parlavano dell’insostenibilità del modello economico, dello strapotere del sistema finanziario internazionale, di un modello retributivo tanto iniquo quanto odioso, dello sfruttamento dei Paesi più poveri, e degli effetti che il nostro “progresso” stava via via causando alla Terra.  Tutto inutile, evidentemente.

Ammesso di avere un’altra chance per invertire la rotta del riscaldamento globale, causato in ultima analisi dalla folle corsa al profitto e al mito del benessere economico, occorre trovare un paradigma completamente nuovo, senza perdere altro tempo per correggere quello attuale, letteralmente deragliato in corsa con gli effetti devastanti che vediamo davanti ai nostri occhi e viviamo sulla nostra pelle.

Idee e strumenti non mancherebbero, quello che latita è una seria rappresentanza politica, una nuova classe dirigente capace di mettere in campo valori e idee nuove. Per questo dobbiamo tornare tutti a fare politica, che non vuole dire candidarsi ma parlare, confrontarsi, adottare modelli più sostenibili ciascuno nel suo piccolo e senza mai rinunciare alla partecipazione. Ci vuole una piccola grande rivoluzione delle persone, capace di superare in un solo balzo modelli stantii e inefficienti come quelli rappresentati da chi oggi ci rappresenta, recitando a turno sempre l’ennesimo copione e senza la minima capacità di leggere la direzione da cui veniamo e quella in cui stiamo andando.

Noi di Witness Journal, nel nostro microscopico mondo, continueremo a raccontare attraverso il fotogiornalismo non solo le cose che non funzionano ma anche le buone pratiche, le piccole grandi rivoluzioni capaci di riportare al centro l’uomo e il suo pianeta perché non si può stare a guardare alla finestra le fine del mondo.

La redazione

Roma Romance – Il “mercato” delle spose

di Giuseppe Nucci

Pagare per prendere in sposa una donna nel vecchio continente non sembra talvolta una pratica appartenente al Medioevo. Nell’Europa odierna, con diversi problemi di integrazione e immigrazione, silenti e misteriosi restano nascosti fra le pieghe della storia i rom. […]

Continua a leggere

Ida Viruma, zona di sacrificio

di Lucia Zullo

Blu, nero e bianco sono i colori della bandiera estone che ricordano gli elementi tipici del paesaggio: il cielo, le fitte foreste scure e la neve bianca al suolo. L’ultima striscia di terra prima del confine con la Russia però tradisce quei colori: nella regione di Ida-Viruma l’impatto della mano dell’uomo è forte. Un territorio con una lunga tradizione nell’estrazione e produzione di petrolio di scisto, un carburante inefficiente e molto inquinante. […]

Continua a leggere

Quareb et Abreou

di Luigi Chighine

Il quareb, letteralmente il forestiero sperduto che non sa badare a sé stesso, va aiutato e, nei suoi confronti, anche le leggi della Repubblica Islamica sono più flessibili. L’abreou è letteralmente l’acqua della faccia, la dignità che bisogna preservare dalle debolezze, dalla vergogna e dal dolore. […]

Continua a leggere

Vita Panika

di Mauro Liggi

“Collettivo nomade composto da più di 20 artisti con 1 tendone da circo giallo a spicchi blu” cita la descrizione del Circo Paniko, una delle prime compagnie di circo contemporaneo italiane. […]

Continua a leggere

Quartiere Cotone: integrazione

di Antonio Presta

Il quartiere piombinese di Cotone nasce sulla scia dell’industria dell’acciaio nei primi del 1900, concepito inizialmente come città dormitorio, senza alcun centro di vita associative e isolato dalle istituzioni. […]

Continua a leggere

A chi appartieni?

di Valerio Di Martino

Agli occhi del lettore o di un semplice forestiero, Sorbo San Basile è un piccolo paese che dimora ai piedi della Piccola Sila, nella provincia di Catanzaro. […]

Continua a leggere