Lavoro nero, morti bianche

Quella delle morti bianche è indubbiamente una perdurante e tragica emergenza e a dimostrarlo ci sono cronache quotidiane e statistiche tanto fredde quanto puntuali. Detto che azzerare gli incidenti mortali sul lavoro più che un obiettivo resterà sempre un’utopia, perché purtroppo non tutti i fattori che concorrono agli infortuni sono controllabili, prevedibili o evitabili anche con il ricorso alle migliori forme di prevenzione e sicurezza, il tragico bilancio italiano si deve anche a malattie croniche del mondo del lavoro nostrano. Secondo le stime dei principali Osservatori nazionali, infatti, i dati ufficiali forniti dall’INAIL andrebbero moltiplicati per due per avere un’idea delle reali dimensioni di questa piaga. Il mancato censimento del lavoro nero, l’alto di numero di morti che non vengono denunciate e l’accertamento parziale da parte dell’INAIL di tutte le denunce ricevute, lascia fuori dal computo ufficiale circa la metà delle morti sul lavoro. Nel nostro Paese non muoiono “solo” due lavoratori al giorno ma addirittura quattro.

Sulla scorta di questa informazione appare evidente come lo sforzo del legislatore e degli esecutivi non si possa concentrare solo sul (recente) potenziamento dell’ispettorato dedito al controllo dell’applicazione delle norme di sicurezza ma debba affiancare a questa azione uno sforzo ancora maggiore per far emergere ed eliminare progressivamente il lavoro nero e tutte le altre forme di sfruttamento. Da Nord a Sud, agricoltura, edilizia, ma anche altri settori come quello manifatturiero, sono pervasi da “imprenditori” senza scrupoli per cui la vita dei propri lavoratori sembra davvero non avere alcun valore. Laddove si calpestano i diritti fondamentali, come l’equa retribuzione, ove si impongono orari e turni da schiavitù senza alcun riconoscimento contrattuale, è assolutamente certo che la sicurezza sul lavoro sia un argomento del tutto sconosciuto.

Casi come quello di Luana, invece, raccontano un mondo del lavoro fatto di aziende “in regola” in termini di inquadramenti contrattuali ma dove in modo pressoché sistematico si rimuovono sistemi di sicurezza dai macchinari o si seguono procedure più rischiose del dovuto, al solo scopo di aumentare produttività e profitti. Nel nostro Paese è diventato normale anche accettare carichi di lavoro eccessivi, piuttosto che svolgere da soli mansioni che una volta richiedevano la presenza di più persone come nel caso di Fabio Palotti, caduto in fondo alla tromba di un ascensore del ministero degli Esteri e ritrovato cadavere il giorno dopo,  il 28 aprile, giornata dedicata alle morti bianche dall’International Labour Organization. Non sappiamo come Fabio sia finito sul fondo del vano di quel maledetto ascensore ma siamo abbastanza certi che per lavorare in sicurezza sospesi nel vuoto e appesi a un cavo di acciaio, sarebbe necessario almeno non essere mai da soli. Trentanove anni, una moglie, due figli piccoli e una vita davanti svanita in un istante: non può essere questo il lavoro su cui si fonda la Repubblica italiana.

Amedeo Novelli

Outcasts – Stains of Kerala

di Paolo Marchetti

“La terra di Dio” è come viene chiamato il Kerala, lo stato più a sud dell’India, in virtù della bellezza delle sue spiagge, delle sue acque, dei suoi monti e dei suoi parchi; ma il Kerala non è solo meraviglia e splendore, è anche sofferenza e abbandono, disonore e tabù. […]

Continua a leggere

Make hummus not walls

di Matteo Portigliatti

C’è una generazione, in Palestina, che sogna un futuro in cui muoversi liberamente, sogna una casa, sogna un lavoro. Sogna di non subire violenze, sogna una vita simile a quella dei suoi coetanei che vivono a pochi passi da loro. Appena oltre il Muro. […]

Continua a leggere

Là dove soffia il mistral

di Massimiliano Pescarolo

Gitani di tutto il mondo si radunano ogni anno, il 24 e 25 maggio, a Saintes-Maries-de-la-Mer, una pittoresca cittadina della Camargue, a sud di Arles. Per venerare la loro patrona: Santa Sara la Nera. […]

Continua a leggere

Il coraggio di Aurora

di Paolo Ricca

In Italia, nei dintorni delle periferie romane, negli ultimi anni si assiste ad un vero e proprio ritorno alla campagna, un movimento contro corrente che, superando ogni difficoltà, vede sempre più giovani tornare ad abbracciare i valori che furono dei propri antenati.
[…]

Continua a leggere

Primordial Priority

di Manuel Micheli

Negli ultimi due anni il tema della caccia e dell’approvvigionamento dei mercati di carne ha assunto nuova importanza a causa dell’esplosione della pandemia Covid-19 e della più recente peste suina. […]

Continua a leggere

I mille volti dei DCA

di Ilaria Elena Borin

La sfera dei Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) è estremamente eterogenea e non può essere ridotta unicamente ai casi di anoressia e obesità: binge eating, bulimia nervosa, ortoressia, vigoressia sono solo alcune delle tante facce che compongono questo complesso e ancora poco conosciuto universo […]

Continua a leggere