Solidarietà oltre le sbarre

Accordi oltre le sbarre 2

Testo e foto di Renato Ferrantini

Roma, Gianicolo, 30 gennaio 2021.

Il presidio “Solidarietà oltre le sbarre” di Roma sul colle del Gianicolo, e in altre piazze italiane, ha espresso solidarietà verso le detenute e i detenuti di tutte le carceri d’Italia, per una maggiore tutela delle condizioni di salute, la richiesta di un piano di screening in periodo di pandemia e un rafforzamento delle tutele di affettività.

I promotori dell’iniziativa, associazioni e centri sociali della Capitale vicini al mondo No Tav, si sono alternati al microfono rivendicando una maggiore dignità negli istituiti di pena e esprimendo vicinanza a Dana Lauriola, portavoce dei No Tav, e agli attivisti che avevano iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la diminuzione delle ore di colloquio nel carcere di Torino.

Accordi oltre le sbarre 1

La manifestazione si è conclusa nel Piazzale del Faro del Gianicolo, un luogo simbolico dell’ottavo colle di Roma più vicino al carcere di Regina Coeli, dal quale sono state inviate parole di sostegno ai reclusi.


Renato Ferrantini è nato e vive a Roma, è ingegnere di professione.
Dal 2013 è appassionato di geopolitica e fotoreportage, segue gli eventi di attualità sociale nella città di Roma. Recenti pubblicazioni on line e sui quotidiani nazionali Il Manifesto, Il Venerdì di Repubblica, La Repubblica, Left e Ansa. Dal 2019 è socio e collaboratore di Witness Journal.

Accordi oltre le sbarre