Chi siamo

La nostra storiaLa storia della nostra associazione, che è nata formalmente nel 2016, comincia in realtà nel 2007, ossia quando viene fondato Witness Journal, primo mensile di fotogiornalismo online in Italia, basato su una piattaforma aperta al contributo di chiunque avesse la voglia e la capacità di raccontare storie attraverso le immagini. Nel corso degli anni, nonostante la crisi editoriale prima e quella economica poi, la redazione si è estesa fino a formare il gruppo che nel 2015 ha deciso di ampliare il progetto originale trasformandolo in un’associazione di promozione sociale.

Siamo un gruppo di persone che si occupano a vario titolo di fotografia e giornalismo con l’obiettivo di promuovere la diffusione della cultura e dell’informazione sia di carattere locale che globale. Il nostro impegno si declina sostanzialmente su tre fronti precisi:

  • le attività editoriali
  • la formazione in ambito fotogiornalistico
  • la promozione di progetti integrati

Cosa FacciamoWitness Journal, il magazine e il sito

Dal 2007 a oggi abbiamo pubblicato 92 numeri per un totale di 828 reportage (dato aggiornato a settembre 2017) su oltre 2.000 proposte ricevute dalla redazione attraverso un meccanismo semplice ma che ribalta il paradigma classico del giornalismo. Ogni numero di WJ non è figlio di un piano editoriale: la redazione ha il solo compito di scegliere i reportage ritenuti di volta in volta più interessanti e assemblarli all’interno della struttura del giornale stesso. Un giornalismo per così dire dal basso che punta a coinvolgere le persone dando loro la possibilità di trasformarsi all’occorrenza da lettori ad autori.

Formazione e cultura

L’associazione Witness Journal si propone oggi anche come punto di riferimento nell’ambito della formazione fotografica con particolare riferimento al reportage e alla fotografia sociale. Facendo leva sull’esperienza della redazione e del gruppo di lavoro storico, WJ propone un palinsesto di appuntamenti formativi il cui scopo non è solo quello di migliorare le capacità foto giornalstiche dei partecipanti ma anche quello di insegnare loro a realizzare progetti capaci di coinvolgere i territori (e le persone) in cui si svolgono.

Progetti

Grazie alla nuova forma associativa Witness Journal si propone anche come mezzo per realizzare progetti che partono dalla fotografia ma che puntano a coinvolgere istituzioni ed enti locali, associazioni operanti sul territorio, scuole e, soprattutto, la società civile. Per questo una parte del nostro gruppo di lavoro è costantemente impegnata a vagliare idee e proposte ma anche a reperire i finanziamenti necessari a trasformale in realtà concrete per mezzo di bandi e concorsi nazionali ed europei.

Chi siamo

 

Federico BerniniFederico Bernini
Docente dell’area formazione
Livornese DOC, vivo a Torino, sono giornalista e fotografo professionista. Dopo aver ricoperto l’incarico di responsabile dei fotografi dell’agenzia LaPresse oggi lavora come freelance collborando per diverse agenzie e testate giornalistiche. Da diversi anni mi occupo di reportage, cronaca, attualità e moda. Laureato in Filosofia, mi sono formato come fotografo presso l’agenzia Contrasto.

 

 

Cosimo CalabreseCosimo Calabrese
Redattore della rivista WJ e docente dell’area formazione
Sono nato e lavoro a Taranto, in Puglia. Da sempre appassionato di arti visive, mi sono avvicinato alla fotografia prima come spettatore e poi come operatore. La passione è si è trasformata presto in lavoro e negli ultimi anni ho fotografato eventi musicali, culturali e di attualità. Attualmente mi occupo di reportage, di fotografia di matrimonio e ritratto.

 

Matilde CastagnaMatilde Castagna
Vice-presidente dell’Associazione, caporedattrice della rivista WJ e docente dell’area formazione
Sono nata a Lecco e la mia passione per l’immagine è cresciuta durante i lunghi viaggi a fianco di mio padre nel cuore profondo dell’Africa e a cavallo delle infinite steppe asiatiche. Mi occupo di fotografia e video, sono free-lance e collaboro a diversi progetti di documentazione fotografica e cultura del territorio.

 

Luna Coppola
Docente dell’area formazione
Sono la “runaway brain” di WJ: dal 2005 vivo e lavoro a Barcellona, dove alterno assignment editoriali, workshop e progetti personali. Ho vissuto a Bologna e poi a Roma, dove ho lavorato per produzioni cinematografiche nel settore “fotografia e produzione”. Dal 2012 coordino progetti editoriali di fotografia documentaria presso carceri, scuole di fotografia e istituti scolastici in Spagna.

 

Erika CrestiErika Cresti
Tesoriere dell’Associazione
Pratese di nascita, ma fiorentina d’adozione. Appassionata di fotografia e curiosa di natura, cerco di approfondire questo interesse mediante la partecipazione a corsi, workshop di street photography e  reportage e con l’immancabile, quanto essenziale, “scrittura con la luce”! Affascinata dal mondo di WJ, cerco di dare il mio contributo in questa nuova e bella avventura associativa con la voglia di crescere e imparare a raccontare storie attraverso le immagini.

 

Giulio Di MeoGiulio Di Meo
Presidente dell’Associazione, photo editor della rivista WJ e responsabile dell’area docenti
Ruvianese DOCG (Ce), sono un fotografo impegnato da più di dieci anni nell’ambito del reportage e della didattica. Organizzo incontri e workshop di reportage e di street photography, in Italia e all’estero, e laboratori per bambini, adolescenti, immigrati e disabili per promuovere la fotografia come strumento di espressione e integrazione. Fotografo freelance, collaboro con diverse associazioni e ONG. , in particolar modo con l’Arci.

 

Martina GiordaniMartina Giordani
Responsabile dell’area progetti
Nata a Trento nel 1987, mi sono laureata in Sviluppo e Cooperazione Internazionale. Ho fatto diverse esperienze di studio, volontariato e tirocinio negli USA, nei paesi dell’Europa meridionale e in Brasile. Dal 2011 aiuto il fotografo Giulio Di Meo nell’organizzazione di corsi di fotografia in Italia e all’estero, nonché nelle sue pubblicazioni fotografiche. Attualmente sono operatrice presso lo sportello informatico per i cittadini, principalmente stranieri, a Bologna.

 

Marina Mussapi
Segretaria dell’Associazione e collaboratrice dell’area progetti
Nata a Milano nel 1988, mi sono laureata in economia e gestione dei beni culturali alla Bocconi di Milano e alla Copenhagen Business School. Svolgo attività di progettazione e consulenza strategica per musei, festival e altre istituzioni artistiche e culturali. Ho lavorato per la Venaria Reale di Torino, il Festival della Mente di Sarzana, Pordenonelegge e il Teatro Donizetti di Bergamo. Insegno al corso di management per l’arte presso l’Accademia di Belle Arti Santagiulia di Brescia.

 

Amedeo Francesco Novelli
Direttore della rivista WJ e docente dell’area formazione
Nato a Genova nel luglio del 1970, sono cresciuto a Roma prima di trasferirmi a Milano, città dove vivo. Fotografo e giornalista professionista, dal 2007 sono direttore responsabile di WJ. Insegnante di fotogiornalismo e fotografia, collaboro come consulente con alcuni brand del settore fotografico come Canon, Fujifilm e Sony per la realizzazione di attività di training e di formazione. Dal 2014 infine, curo una rubrica sulle pagine del mensile Il Fotografo.

 

Nicola SaccoNicola Sacco
Redattore della rivista WJ, collaboratore dell’area progetti e docente
Sono nato ad Alessandria nel 1981. Mi occupo di mettere in contatto le persone che incontro, della comunicazione di progetti di sostenibilità e delle relazioni fra impresa e comunità locali in Italia e all’estero.

 

 

Francesco ZanetFrancesco Zanet
Docente dell’area formazione
Sono nato a Pordenone nel 1984. Sono fotogiornalista, redattore di riviste settoriali e direttore fotografico di documentari cinematografici. Ho lavorato per quasi 10 anni in ambito musicale, nel ultimo periodo mi sono dedicato a progetti di stampo documentaristico, sociale ed ambientale. Fondatore dei progetti Weddingcity e World Photography Expeditions. Collaboro con la Nikon School Travel.